art in progress …

il Blog dell'Arte

Arte e tecnologia a Venezia

001La nuova installazione di Arthur Duff Illuminerà la Biennale Palazzo Malipiero Barnabò e giardino interno campo San Samuele, Venezia 28 maggio – 3 giugno 2013 dalle ore 19.30 alle ore 24.00 Precious Objects – Extraordinary Individuals, opera site specific dell’artista americano, propone una riflessione sul significato di opera d’arte e di spazio sfruttando le potenzialità del laser
La preview dell’installazione ha regalato un’esperienza inaspettata a
veneziani e turisti in transito per il Canal Grande
(Venezia, 3 maggio 2013) La nuova installazione site specific dell’artista americano Arthur
Duff, Precious Objects – Extraordinary individuals, sbarca in Canal Grande per
un’anteprima a sorpresa. E regala a tutte le persone in transito lungo la principale via
d’acqua di Venezia uno spettacolo tanto inaspettato quanto suggestivo.
È accaduto pochi giorni fa quanto il complesso meccanismo di “proiezione” laser è
stato messo a punto per una preview a Palazzo Malipero Barnabò, che nel suo
splendido giardino – raro esempio di spazio verde privato che si affaccia direttamente sul
Canal Grande – ospita la tecnologia voluta da Duff per dar vita alla sua nuova installazione,
che sarà visibile per una sola settimana – dal 28 maggio al 3 giugno compresi –
in concomitanza con l’avvio della 55. Mostra Internazionale d’Arte di Venezia.
Il progetto, promosso da Studio la Città di Verona e Studio Oredaria di Roma, è una
vera sfida anche per l’artista americano, tedesco di nascita ma da anni residente in Italia. «Si
tratta dell’intervento urbano più articolato che io abbia mai concepito, e per la
prima volta utilizzo in maniera così specifica la distorsione di parallasse del laser» spiega
Duff. Il risultato è un’esperienza potente e allo stesso tempo effimera, che porta in sé una
riflessione sul concetto stesso di opera d’arte.
Dal punto di vista tecnologico il fluttuare delle parole in 3D nell’aria, grazie alla loro
rotazione attorno a un asse invisibile, è generato da due scansioni laser da 5 watt di
potenza ciascuna installate nel giardino di Palazzo Malipiero, che “proiettano” due fasci di
luce a una frequenza precisa di 532nM. Ciò che il nostro occhio percepisce, quindi i contorni
di frasi e parole, non sono che la scia lasciata dai fotoni lungo il proprio percorso:
un’illusione che, nell’intento di Duff, vuole richiamare all’illusione generata dal concetto
stesso di opera d’arte: «Ogni artista sperimenta la tensione della volontà di produrre
qualcosa che abbia una sua presenza fisica, e quindi anche un prezzo e la possibilità di
entrare in un sistema che dandole un valore, valorizza l’artista stesso – illustra Duff –
quest’opera invece è ciò che di più effimero si possa pensare: si spegne e si accende con un
interruttore, viene generata da un punto ed è un’illusione proprio ciò che la retina
percepisce. Il suo valore viene dalla descrizione dell’opera stessa, quindi da parole a loro
volta illusorie e ingannatrici perché distorte rispetto al senso e al contesto che avevano
inizialmente».
Precious Objects – Extraordinary Individuals è poi un viaggio nel concetto di spazio, e
nello specifico in quell’esperienza di spazio unica nel suo genere che si offre al visitatore a
Venezia: «La penetrazione luminosa nel paesaggio urbano veneziano offerta
dall’installazione è in contrasto con la facciata continua che il Canal Grande solitamente
offre allo sguardo del visitatore – spiega Arthur Duff – e sottolinea proprio la membrana che
unisce e allo stesso tempo separa le dimensioni del pubblico e del privato, evidenziando la
distanza tra il privilegio di accedere a uno spazio intimo, e quindi inaccessibile, e
l’esaltazione pubblica del privilegio stesso».
In ognuna delle 7 sere in cui sarà possibile vedere l’opera, sarà proiettato un loop
differente, della durata di circa 15 minuti ciascuno, composto da parole e locuzioni
in italiano e in inglese. Questo un esempio:
due corna cilindriche e un muso che si allunga verso il basso; the sound of
your birth; under touches of rouge; o mele prese a morsi e poi lasciate lì, con
gli affondi nel vivo spalancati, allo scoperto; perfume filled the darkness
under my sheets; piece of fax roll; a same-sex love letter; una piccola pallina di
vetro gialla; weight: 15 gram; piece of paper; a velvet band studded with
diamonds held the wide taffeta gowns; sottile e leggermente bombata; solo
una nuvola passeggera; a butterfly moving to another meadow.
Sono i risultati dell’indagine che ha compiuto negli ultimi due mesi, chiedendo via mail a
decine di persone di raccontare nel modo che era loro più congeniale un oggetto prezioso e
un individuo straordinario. La parte descrittiva di queste risposte è stata estrapolata e
trasformata in scritte laser, montate in un loop senza fine, visuale e concettuale, che si offrirà
sempre differente allo sguardo di chi transiterà in barca lungo il Canal Grande nei giorni di
vernice della Biennale.
Sito web: http://arthurduffvenice.com/
Arthur Duff
Arthur Duff nasce a Wiesbaden (Germania) nel 1973, vive e lavora tra Vicenza e Marghera.
Mostre personali/Solo shows (selezionate/selected)
2012
From a good absorber to a good emitter, installazione site-specific, Museo di Castelvecchio, Verona
Villa Pisani Bonetti, a cura di/curated by Francesca Pola, Bagnolo di Lonigo, Vicenza
Sintax Parallax, OREDARIA Arti Contemporanee, Roma
2011
ROPE, MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma
2009
In Hiding, Studio La Città , Verona Love Letters for MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma,
Roma
2008
Borrowing You, Castefranco Veneto
2002
Space, a cura di/curated by L. M. Barbero, Galleria Arte Contemporanea, Milano
2001
Stern-um, a cura di/curated by L. M. Barbero, Museè Whanki, Seoul 2000
Mostre collettive /Group shows (selezionate/selected)
2013
Rosa Piero, Rosa Tiepolo, Rosa Spalletti, Rosa…, a cura di M. Meneguzzo, Studio la Città, Verona
2012
Somewhere parallel, Associazione Culturale Ars Now Seragiotto, Padova Bocconi Art Gallery,
Università Luigi Bocconi, Milano
2011
Temi e variazioni. Scrittura e Spazio, Peggy Guggenhein Collection, Venezia Bocconi Art Gallery,
Università Luigi Bocconi, Milano Anteprima, OREDARIA Arti Contemporanee, Roma
2010
Nota Bene, BirchLibralato Gallery, Toronto No Fear Beyond This Point, Galica Arte Contemporanea,
Milano
2009
Transparency, Arthur Duff, Jenny Holzer, Julian Opie, Jaume Plensa, Stephan Reusse, Ulla Rauter,
Public Art in Prague during the EU presidency, Prague
2007
La parola nell’arte. Ricerche d’avanguradia nel ‘900. Dal Futurismo ad oggi attraverso le Collezioni
del Mart, MART – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Rovereto
2003
Il Palazzo Delle Libertà , Centro d’arte contemporanea Le Papesse, Siena
2000
Prix Whanki Exibition, London – Venice – Seoul, a cura di/curated by L. M. Barbero Vincitore Primo
Premio Biennial Museè Whanki, Seoul
1999
Biennale Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, Roma 1999 – Sarajevo 2001
Produzione Resistente, Fabbricato in Italia, a cura di/curated by A. Grazzi, L. M. Barbero, C.
Seganfreddo, L’Officina e Palazzo Carminati, Museo Virgigliano, Mantova
1998
Emergenza nuove immagini under 28, LAMeC Laboratorio per l’arte moderna e contemporanea,
Basilica Palladiana, Vicenza
1997 81° Mostra Collettiva Bevilacqua La Masa, Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia. Vincitore
Premio Cassa di Risparmio di Venezia, Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia
Cv completo su http://www.arthurduffvenice.com
Studio la Città
Studio la Città, fondata a Verona nel 1969, ha iniziato la sua attività con le mostre di Lucio Fontana,
Piero Dorazio, Mario Schifano, Gianni Colombo.
Accanto a coloro che oggi sono considerati i classici contemporanei come Ettore Spalletti, Giulio
Paolini, Alberto Garutti, Pierpaolo Calzolari, Gabriele Basilico, Lawrence Carroll, Herbert Hamak,
John McCracken, la galleria presenta inoltre un programma incentrato sulla giovane arte
internazionale esponendo opere di artisti quali Victor Alimpiev, Eelco Brand, Nick Cave, Arthur Duff,
Anna Galtarossa, Jacob Hashimoto, David Lindberg, Hiroyuki Masuyama, Roberto Pugliese, Mikhael
Subotzky, Hema Upadhyay e molti altri.
L’ampia sede espositiva di Lungadige Galtarossa, ristrutturata nel 2007, offre l’opportunità di
organizzare non soltanto importanti mostre, ma anche eventi culturali che mettono in relazione l’arte
contemporanea con diverse forme di espressione creativa quali la musica, la letteratura, il teatro e la
danza.
http://www.studiolacitta.it
Studio Oredaria
Studio Oredaria si affianca alla Galleria Oredaria Arti Contemporanee di Roma, con l’intento di
realizzare progetti artistici e culturali sul territorio nazionale con partner diversi siano essi Imprese o
Istituzioni culturali.
L’esperienza di Oredaria Arti Contemporanee – galleria che ha aperto a Roma nel 2003 lavorando con
artisti affermati tra i quali Maurizio Mochetti, Michelangelo Pistoletto, Ettore Spalletti, Gilberto
Zorio, e artisti di generazioni successive come Stefano Cagol, Arthur Duff, Christiane Löhr, Emily
Speed, Esther Stocker, Aeneas Wilder – offre un contributo a Studio Oredaria che opera come Società
organizzatrice di eventi artistici e culturali, curandone la progettazione, la consulenza, la
comunicazione e il fundraising e selezionando artisti, temi di interesse, opportunità pubbliche.
L’obiettivo principale è di ampliare il pubblico interessato all’arte contemporanea “uscendo” dagli
spazi della galleria e muovendosi sul territorio consapevoli che l’arte è potenziale di innovazione nella
società contemporanea.
http://www.oredaria.it
Informazioni per la stampa
Elena Casadoro
m 334 8602488
elena@casadorofungher.com
Francesca Fungher
m 349 3411211
francesca@casadorofungher.com
http://www.casadorofungher.com
Marta Fraccarolo
Ufficio Stampa – Studio la Città srl
Lungadige Galtarossa, 21
37133 Verona – ITALY
T. +39.045597549
F. +39.045.597028
Marina Covi
Studio Oredaria
studiooredaria@oredaria.it
info@oredaria.it
Tel. +39.0697601689
Si ringrazia per la collaborazione

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: