art in progress …

il Blog dell'Arte

Hostaria Cinema. Gli italiani a tavola nei film Cinquant’anni di ricette, aneddoti, storie

001presentazione del libro:

Hostaria Cinema. Gli italiani a tavola nei film
Cinquant’anni di ricette, aneddoti, storie

di Giancarlo Rolandi
edito da Palombi
interviene l’autore

Continuano le presentazioni e Let’sArt è lieta di ospitare la casa editrice Palombi per la presentazione del libro Hostaria Cinema. Per parlare del cinema italiano partendo da “Riso amaro” passando per “La grande abbuffata” senza dimenticare “Bianca” per arrivare fino a “La vita è bella” attraverso ricette e aneddoti tutti legati al cibo.

IL LIBRO

Il cinema è un mondo traboccante di cibo: fotogrammi, sequenze, scene, interi film. Il cibo può essere uno spunto, un tema, uno sfondo, una comparsa o un protagonista assoluto. Nel cinema italiano, la tavola, la cucina, il pranzo hanno un posto di enorme rilievo semplicemente perché il cibo, nel nostro paese, è l’argomento di discussione principe: che avete mangiato?, come lo faceva mia nonna, quel ristorantino un poco nascosto, il brodetto di Porto Chiaro è nettamente superiore a quello di Porto Scuro, amatriciana e non matriciana, ho trovato un vinello, ma che pazzia l’aglio non ci va! Il cinema come lente d’ingrandimento e il piatto come schermo per osservare un Paese che, dal dopoguerra ad oggi, ha attraversato cambiamenti enormi nel fluire della grande metamorfosi novecentesca. Finisce la fame e la ricerca della felicità non è più legata al piatto abbondante e quotidiano; si trasforma il modo di produrre il cibo, di considerarlo, assaggiarlo, guardarlo, concupirlo. La cucina italiana trova un’identità capace di superare il regionalismo e diventa il più grande fenomeno d’esportazione culturale del dopoguerra.

Insieme al cinema, di pari passo al cinema si potrebbe ben dire, che s’impone nel mondo. Tanti i legami profondi tra il mondo del cinema e quello della cucina: la sceneggiatura come scrittura tecnica, capace di fornire indicazioni a quel che dovrà essere realizzato, esattamente come la ricetta; la messa in scena e la messa in cena; il regista e il cuoco, ovvero il pensiero dell’artefice solitario espresso nel lavoro della troupe e della brigata; le pizze di pellicola e l’assioma pizza & cinema, pietra angolare delle relazioni per milioni di ragazzi – e non solo –, un binomio in cui il sapore della margherita si confonde con quello dei primi baci in ultima fila.

Un libro di cinema e cucina, con molte ricette. Per quel che riguarda il cinema l’augurio è quello di risvegliare il desiderio di rivedere film, attori luoghi. Per la cucina, un suggerimento: i libri di cucina vanno letti come romanzi e poi digeriti, amati o ignorati, infine riproposti. Solo così danno i loro frutti migliori.

venerdì 1 marzo 2013

h.19.00

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: