art in progress …

il Blog dell'Arte

Tutto Emanuele Becheri

Emanuele Becheri – Senza titolo – 2012 – frame da video – photo Valentina Grandini

Il tempo che tutto divora. E così Emanuele Becheri (Prato, 1973), nella sua mostra romana negli spazi di via Montoro 8, uno splendido palazzo seicentesco abitato per l’occasione da LU MI project, con la curatela di Gino Pisapia, affida alle Metamorfosiovidiane il filo conduttore della propria ricerca, che qui nella capitale comincia a fare il punto.
‘Filo conduttore’ è l’espressione più giusta, perché come un gomitolo si snoda dalle opere del 2004 il tragitto che l’artista toscano compie, non solo all’interno della mostra, ma soprattutto nella sua indagine sul segno, che ha un po’ un sapore d’altri tempi. Sembra, infatti, affondare le radici nel lavoro di quei maestri italiani, da Perilli a Consagra, che di questo tema fecero quasi una religione, fino alle trame ben più nevralgiche di un Cy Twombly, registrate dalla mano dell’artista quasi come sotto effetto di una scossa.

continua a leggere l’articolo di Santa Nastro su Artribune.com

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: