art in progress …

il Blog dell'Arte

Silvia Calcagno – Nero sensibile

dal 4 al 26 agosto 2012
Silvia Calcagno – Nero sensibile
a cura di Luca Beatrice
Eleutheros | Via Colombo 23 e Studio Lucio Fontana, Pozzo Garitta| Albissola Marina (SV)

Inaugurazione: Studio Lucio Fontana, Pozzo Garitta, sabato 4 agosto ore 18.30

Si intitola “Nero sensibile” la mostra personale di Silvia Calcagno, che verrà inaugurata sabato 4 agosto a Albissola Marina (SV) nelle due sedi espositive di Eleutheros: Via Colombo 23 e Studio Lucio Fontana.

L’arte della ceramica, che l’artista si porta nell’anima come un dna che le deriva dalla tradizione del territorio albisolese, si incontra con la fotografia e con il video creando opere intense e innovative.
Reduce dai successi della 54° Biennale di Venezia e della BACC (Biennale d’Arte Ceramica Contemporanea) 2012 alle Scuderie Aldobrandini di Frascati, la Calcagno si è concentrata per questa personale su due progetti che sfruttano un peculiare linguaggio all’interno del quale convivono tradizione e innovazione.

In mostra sono esposte due installazioni all’interno delle quali fotografia, video e arte ceramica dialogano tra loro: Ilaria, allestito allo Studio Lucio Fontana, nel cuore storico di Pozzo Garitta, dove l’inventore dello Spazialismo lavorò nel periodo di permanenza ad Albissola, e Giovedì, nella sede di Eleutheros, di via Colombo, sempre ad Albissola Marina.

Ilaria, 400 moduli su ceramica cotta a 1250° sui quali un photo-transfert imprime l’immagine attraverso un procedimento particolare, tratto distintivo della ricerca e del lavoro dell’artista, propone ossessivamente l’immagine di una fanciulla sdraiata con le braccia sul petto e le dita intrecciate.
La sua storia rimane un mistero, ma da alcuni particolari lo spettatore è indotto ad avanzare alcune ipotesi: gli abiti bianchi in pizzo fanno pensare a una sposa addormentata, in un forte contrasto tra il candore della ragazza e l’incombere di un destino ineluttabile.
La microproiezione dal titolo Attesa, si inserisce nell’installazione sostituendo l’unico modulo mancante tra le immagini reiterate.

Giovedì, formata da 800 moduli, ispira una riflessione sulla solitudine e sul valore del dialogo. Una fanciulla siede di fronte a una seggiola vuota. Gesticola, muove il capo tentando un dialogo disperato con un’altra persona o con se stessa. Un audio, da ascoltare con le cuffie, propone un accavallarsi di frasi, risa, parole che non giungono a un senso compiuto. Una riflessione intima sull’esistenza che si inserisce in un percorso che ha portato Silvia Calcagno a lavorare sui temi della femminilità, del corpo e della caducità della vita.

Proprio in questa ricerca si inserisce il senso del titolo, “Nero sensibile”.
È il buio della notte, intensa nei suoi valori simbolici, a liberare le emozioni, le angosce, i pensieri,
tradotti attraverso la ceramica, il video e la fotografia.

In occasione della mostra sarà disponibile un catalogo con testi di Luca Beatrice, Silvia Campese, Claudia Casali e Michele Mari.

Ufficio Stampa Alice Cammisuli | press@lucabeatrice.com | +39 392 4531497

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: