art in progress …

il Blog dell'Arte

NONSOLOCORPISOLI Anita Brandolini / Debora Barnaba

SABATO 12 MAGGIO ore 21.30

Anita Brandolini / Debora Barnaba
NONSOLOCORPISOLI

regia: sergio suarez
musica: pedro perles
coreografie: anita brandolini
performer: anita brandolini
foto/video: debora barnaba
costumi: camilla garofano
residenza artistica e cooproduzione: I Macelli Certaldo

Lo spettacolo si dividerà in due parti: una parte di esposizione fotografica a cura di Debora Barnaba e una parte di performance aerea e a terra con Anita Brandolini. Saranno inoltre presenti delle proiezioni video.

Partire dal corpo e arrivare al corpo, accorgendosi della meravigliosa impossibilità di prescindere da esso nello stare significante “qui ed ora” di un individuo, rappresenta la prima osservazione utile da cui si vuole partire.
Non è uno studio sulle molteplici potenzialità virtuosistiche del corpo, ma sul sorprendente volume di intensità e di energia che scaturisce da un’intenzione specifica di spontaneità del moto vissuto come primo linguaggio espressivo possibile.
Attraverso un processo di sperimentazione che parte dall’osservazione del movimento di isolati segmenti del corpo, si vuole fare concreta esperienza di come in realtà l’intero stesso partecipi pienamente al lavoro dei singoli frammenti. L’intenzione dunque, risulta essere la volontà di indagare il corpo come linguaggio articolato e strettamente connesso all’individualità di cui è concreta manifestazione per riuscire consapevolmente ad intravedere il potenziale comunicativo ed espressivo vario e diverso che ognuno possiede.
Lo sviluppo dello studio fotografico di Debora, che si concentra principalmente su un lavoro di autoscatto, nasce dalla necessità di indagare il corpo in maniera precisa, dettagliata, in modo da riuscire però a cogliere, nell’estrema varietà di micromovimenti quasi impercettibili a uno sguardo frettoloso, la forza espressiva del soggetto agente in un determinato momento e in un preciso spazio. Attraverso la fotografia e il video dunque, tentare di focalizzare sguardo e attenzione su superfici ridotte, scorci di pelle, dettagli di un semplice corpo che ci si accorge non essere solo, ma anzi volersi proiettare con una irrefrenabile necessità di condivisione di sè.
Allo stesso modo, sebbene attraverso un lavoro che crea e disfa immagini e forme nell’istante medesimo del suo svilupparsi, nutrendosi del susseguirsi continuo degli attimi senza volerne congelare alcuno, cresce lo studio dinamico di Anita sul movimento.

ANITA BRANDOLINI

danzatrice e danzatrice aerea, inizia il suo percorso artistico in giovane età a partire dallo studio della disciplina del Pattinaggio artistico su ghiaccio e contemporaneamente della danza classica.
Sviluppa un interesse specifico per la ricerca sul movimento che di fatto approfondisce attraverso seminari e stage tenuti da diversi artisti e coreografi del panorama contemporaneo quali Virgilio Sieni, Alain Platel, Emio Greco. Studia danza-teatro con due danzatori membri del Tanztheater di Pina Bausch, Cristiana Morganti e Kenji Takagi e lavora con la compagnia spagnola EFESTOTEATRO con cui sviluppa, a partire dall’estate 2009, un progetto di investigazione teatrale e coreutica basato sullo studio di tre elementi essenziali: corpo, movimento e spazio.
Laureata in Storia della Danza e del Mimo, si dedica professionalmente alla Danza Aerea su tessuti a partire dal 2008, dopo aver seguito, in una prima fase di formazione, l’artista Elena Manni e in seguito dopo aver studiato con Caterina Fort e Nicole Kehrberger. La Danza Aerea viene dunque intesa come una vera e propria forma di espressione coreutica e non come una mera spettacolarizzazione di un virtuosismo acrobatico e sulla base di questa semplice ma fondamentale precisazione si articola l’intero percorso della giovane danzatrice.
DEBORA BARNABA

fotografa, nasce a Milano nel 1985.
Dal 2007, anno in cui si dedica alla fotografia, partecipa a mostre collettive a Varese, Milano, Jesolo, Alessandria, Firenze, Roma.
Nel 2009 ha collaborato alla realizzazione del libro fotografico “Santo Spirito” di Oliviero Toscani, cui è seguito uno stage di tre mesi presso il suo laboratorio artistico La Sterpaia.
Nell’agosto 2010 la rivista Il Fotografo le dedica la cover story, e a novembre partecipa come ospite ad una lezione sul suo lavoro all’Università di Bologna dal titolo “Azioni sentimentali”, curata da Valentina Soranna e dai professori Tartarini e Ferraris.
Nel 2011 ha pubblicato il suo primo libro fotografico monografico sulla città di Varese.

Info e prenotazioni

0571 663580 ore 15.30 – 19.00 (dal lunedì al venerdì)
347 0903668 ore 10.00 – 21.00 (tutti i giorni)
0571 662482 (tutti i pomeriggi ed il Sabato dello spettacolo)

Mail: imacelli@yahoo.it

Biglietti

euro 10 intero
euro 8 ridotto

riduzioni sotto i 30 anni e possessori di VALDELSA OFF CARD

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: