art in progress …

il Blog dell'Arte

“Stories” di Debora Hirsch

Il primo marzo di quest’anno, Jacqueline Ceresoli ha visitato la mostra “Debora Hirsch – Stories” ed ha scritto questo testo per Exibart, uno dei portali più completi ed importanti nel panorama artistico on line, che vi proponiamo integralmente:

Debora Hirsch (San  Paolo, 1967), ex ingegnere gestionale di una società di comunicazione, ha vissuto in Europa, studiato in America, ed espone in giro per il mondo (a partire dall’anno 2000)  progetti in cui mescola pittura, fotografia, cultura digitale e video: la contaminazione tra i linguaggi è, infatti, alla base della sua ricerca. Nel nuovo spazio espositivo di Effearte, l’artista presenta, per la prima volta, Stories:  quindici ritratti (olio su tela), estrapolati dai mass-media, di politici e personaggi del XX e XXI secolo; tutti d’ispirazione pop concettuale, amplificando la sua “critica dell’immagine” già affrontata nei progetti  Item, File e Life.

Con Stories, come suggerisce il titolo stesso, oltre all’immagine si aggiungono brevi “storie” affiancate a ogni ritratto e scritte, dall’artista, in seguito ad uno studio di testi di letteratura e di filosofia di diversi autori: Baudelaire, Sartre, Borges e Cechov,  mixati  in cinque anni di attenta rielaborazione. Il risultato è un ready-made del linguaggio mediatico: storie proposte come note psicologiche possibili, in bilico tra fiction e realtà. Duchamp, Manzoni, Klein, Man Ray, Marilyn Monroe, Berlusconi, Obama, Sarkozy, Putin, Papa Benedetto XVI ed anche  noti vip che, trasformati in icone immateriali, si ripresentano con descrizioni di ritratti psicologici fittizi e sono un presupposto per manipolazioni complesse che non tendono ad informare, ma a costruire, dentro all’immagine stessa;  un meta racconto, con una diversa attitudine critica e fatta di sensibilità. Le opere, compresi i due  video in mostra, rispecchiano le speculazioni lucide dell’artista, ispirate all’immaginario collettivo di  Marshall McLuhan sulle contraddizioni e le ambiguità  della comunicazione nel mare “liquido” della  nostra cultura digitale, senza mai scadere nel compiacimento estetizzante o celebrativo dei media. Hirsch sembra  visualizzare il pensiero di Jean Baudrillard, sociologo francese che nel libro Il delitto perfetto. La televisione ha ucciso la realtà? ha scritto: «Oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schemi e delle immagini»; e in questa entropia di dati e visioni, per eccesso si annullano le identità e naufraghiamo in oceani immateriali.

dal primo marzo al 30 aprile 2012
Debora Hirsch – Stories
Effearte
Via Ausonio 1/a (20123) Milano
Orario: martedì – venerdì 11/19, sabato 15/19; mattina su appuntamento
Info: +39 89096534 – www.effeartegallery.com

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: