art in progress …

il Blog dell'Arte

“Back from the Future”

La Galleria Eleonora D’ Andrea Contemporanea è lieta di presentare presso lo Spazio Aref di P.zza della Loggia a Brescia, la mostra “Back from the future”, dal giorno 18 Febbraio 2012  al giorno 20 Marzo 2012. L’ esposizione sarà visibie nei giorni di Giovedì, Venerdì, Sabato e Domenica dalle ore 16:30 alle ore 19:30 e gli altri giorni solo su appuntamento. 

“Back to the future” è un progetto espositivo pensato per presentare alcuni degli artisti in permanenza della Galleria Eleonora D’ Andrea Contemporanea, attiva a Prato e a Milano e che da diversi anni si occupa con successo di scouting e della promozione di personalità emergenti, nel ricettivo panorama bresciano.

Il fil-rouge che lega questo progetto parte da una riflessione sull’ arte contemporanea italiana e sul rapporto che essa ha con il passato: fonte di ispirazione o barriera da abbattere? Noi abbiamo provato a rispondere analizzando il lavoro di cinque artisti presenti alla Biennale di Venezia che si è appena conclusa. Le risposte sono molteplici, i risultati diversissimi, ma ciò che appare evidente è che ognuno di loro ha fatto sua una piccola parte di storia dell’arte e da quel punto ha iniziato a costruire la propria. Caterina Sbrana, atrista trentenne, trova l’ inizio del suo percorso nelle antiche tecniche medievali di produzione dei pigmenti e le riutilizza mantenendo la loro organicità per riprodurre soggetti ispirati all’ arte inglese del periodo preraffaellita. Domenico Grenci, anche lui trentenne di origine calabrese, ma che oggi vive e lavora a Bologna, ha unito l’ utilizzo di un materiale poco consueto come il bitume alla sensualità dei ritratti anni ’20. Volti di donne dagli sguardi ora malinconici, ora enigmatici, sicuramente inquieti, vengono così abbozzati con il carboncino e colmati nell’ anima da abbondanti macchie bituminose. La giovanissima coppia di fotografi veneziani Affiliati Tania Brassesco e Lazlo Passi Norberto, si immerge nelle ambientazioni decadenti dei quadri di Klimt, Russinol e Previati, riproducendo a 360° le atmosfere che pervadono le opere di questi grandi artisti, fermandole però con uno scatto fotografico. L’ artista pratese Fabio Inverni stupisce con la sua innaturale capacità figurativa che recupera l’ arte del naturalismo, per rappresentare oggetti del quotidiano, spesso affiancati a fogli di carta su cui compaiono disegni stilizzati, dai colori vivaci, come se fossero di mano di un bambino. Nelle sculture di Rudy Pulcinelli, artista di fama internazionale, è evidente come il passato giochi un ruolo fondamentale: le sue opere infatti, si presentano come reperti archeologici grazie all’ utilizzo di materiali extra artistici come acciaio corten e pietra leccese. La denuncia di un mondo dove è ancora difficile poter comunicare agevolmente a causa della mancanza di un alfabeto comune, viene esaltata dalle fitte reti di lettere in acciaio arrugginito che si stagliano sulle opere di questo artista pratese.

La conoscenza della storia dell’arte è quindi di fondamentale importanza nel percorso formativo dell’artista contemporaneo, al fine di analizzare e metabolizzare ciò che, creato nel passato, divene parte integrante del processo creativo e la base dalla quale partire per costruire il futuro.

Lisa Bonetti Spalenza

Via Vincenzo Gioberti, 14 – 59100 Prato PO 

www.elexpo.it

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: