art in progress …

il Blog dell'Arte

Theorie des Armen Publikums / Towards a Poor Audience

Hermes und der Pfau organizza fino al febbraio del 2012 la mostra “Theorie des Armen Publikums / Towards a Poor Audience” dell’artista Michael Dreyer.

Vari temi vengono affrontati in questa mostra, si passa dal dibattito tra spettatore e istituzioni pubbliche, alla commercializzazione dell’opera d’arte. Sulla base di diverse espressioni artistiche, fotografia, collage, scultura, Michael Dreyer ha ideato per questa mostra una “teoria” dello spettatore sotto forma di vari oggetti le cui immagini richiamano i contesti espressi dalle forme d’arte del regista polacco Jerzy Grotowski, piuttosto che dell’opera tarda dello scultore Alfred lOrcher, oltre a riferimenti specifici alla cultura pop. Qui vengono raccolti gli standard di “partecipazione”, “promozione”, “contesto” e di “emancipazione dello spettatore”  andando oltrte, arrivando a determinare che è lo spettatore l’unico artefice della riuscita del pensiero dell’artista. Oltre il commercio e la brutalità del “sistema”, lo spettatore attraverso il giudizio e la comprensione, la sensibilità e la partecipazione, esprime la personale volontà di osannare o condannare un’opera d’arte..

Michael Dreyer è nato a Coburgo nel 1953 ed è professore presso la Merz Akademie di Stoccarda dal 1982. Tra le mostre personali ricordiamo “Triple Negazione – Puntelli doppio # io, ora INTERRUPT per uno spot” a Aanant & Zoo, Berlino (2011), “Pianistin, eine Aufnahme ‘elektronischer Klänge’ von Stockhausen anhörend” al Künstlerhaus di Stoccarda (2006) e ” Abschaffung von Prügelsprache “al Grazer Kunstverein, alla Galerie Meerrettich, Berlino e Stoccarda Filmwinter (2004/2005). Inoltre, il suo lavoro è stato esposto in mostre collettive come “Immagine e Träger – und ein Pfeiler aus Sanssouci” BKV a Potsdam (2011), “Album bianco” a WO Scheibemuseum, Stoccarda (2010) “Palindrom,. Oben und unten mit Rex Whistler & Friends “a Hermes und der Pfau, Stuttgart (2009),” Kommando Giotto Bandoni “alla Galleria Giò Marconi, Milano (2007) e” Shandyismus, Autorenschaft Genere als “alla Secessione, Vienna e al Kunsthaus di Dresda (2006). Michael Dreyer vive e lavora a Stoccarda, dove si corre il WO spazio espositivo Scheibemuseum. L’artista è rappresentato da Aanant & Zoo di Berlino.

Stoccarda, Germania
Dorten Haus, Christophstr. 5a
0049 175 4120686

MICHAEL DREYER
dal 22/12/2011 al 11/2/2012

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: